E’ l’anno della CAPRA, della PECORA o del MONTONE?

capretteBuongiorno a tutti! Vi siete per caso domandati esattamente di quale animale si parla quando si dice Yáng 羊? A quanto pare per noi e’ molto importante distingure i caprini in capre, pecore e montoni, invece per i cinesi una parola tiene insieme tutti questi animali.

Ma allora che animale stiamo festeggiando? Ho sollevato la questione in Cina. Ahimè son stata derisa e tra una risata e l’altra mi son sentita rispondere: “Ma che differenza fa?”

Ho visto, sulle bancarelle del mercato di Yuyuan Garden di Shanghai,  vendere indistintamente pupazzetti di dolci pecorelle, impavide capre e tozzi montoni. Mi è venuto  un raptus e ho iniziato a far razzia di quei piccoli gadget per gli amici a cui auguro semplicemente BUON ANNO!

per saperne di piu: http://edition.cnn.com/2015/02/12/asia/year-of-the-goat-sheep-ram/

capodanno cinese in Paolo Sarpi 21- 22 febbraio 2015

CAPODANNO CINESE 2015

Siete tutti invitati ai festeggiamenti per la Festa della Primavera!
Non mancate!

Il programma completo

 Domenica 22 Febbraio
h. 10:30 Apertura evento in piazza Gramsci con musica, danze,
acrobati e giocolieri
h. 14:00 Piazza Gramsci
Saluto delle autorità cinesi e italiane
h. 14:30 Gran Parata con draghi, leoni e figuranti lungo la via Sarpi
Chinatown New Year Run
h.10:00 Partenza della corsa libera – via P. Sarpi 60
h.11:00 Partenza del “Km cinese” viaP. Sarpi ang. Piazzale
Baiamonti – per info www.rrcm.it
Le altre iniziative
• Domenica 15 Febbraio dalle h 10:30
Distribuzione dei chunlian, distici di Primavera, coppie di iscrizioni di
buon augurio da appendere agli stipiti delle porte.
Associazione shoulashou – diamocilamano, via Paolo Sarpi, 26.
• Mercoledì 18 Febbraio
Festeggiamo insieme la vigilia dell’Anno della Capra
▸ h 16:30
Mani in pasta laboratorio (2 sessioni, 10 partecipanti per sessione)
per iscrizioni al laboratorio: shoulashou.milano@gmail.com
▸ h 19:30
Jiaozi e prelibatezze italiane – Oriente e Occidente si incontrano in
cucina
Presso – Via Paolo Sarpi 60
A cura di Hallbar, Youitaly, Presso, shoulashou – diamocilamano
• Venerdì 20 Febbraio h 18:30
Aqua Montis Preview – Lo Meihing e Bill Hornaday
a cura di Vittoria Coen
La mostra sarà aperta dal 15 al 22 febbraio
Art Studio 38 – Hotel Europeo – Via Canonica, 38

• Sabato 21 Febbraio
▸ h.10:00/12:00
Costruiamo una scatola con i simboli del Capodanno Cinese
Bottega di Legatoria di Angelo Testa – via G. Giusti, 8
per iscrizioni al laboratorio: shoulashou.milano@gmail.com
 h. 15:00
Saggio musicale degli allievi dell’Accademia pianistica Note Gioiose
diretta dal Maestro Maurizio Ruggiero
associazione shoulashou – diamocilamano via P. Sarpi 26
 h. 17:00
Introduzione ai cinque elementi energetici Feng Shui, come
strumento per vivere in armonia con la nostra casa
Incontro con Manuela Corbetta
Libreria 6Rosso – via Albertini, 6
 21 e 28 Febbraio h 11.00
Milano Migranda – Mygrantour: passeggiata interculturale in zona
Sarpi, un itinerario alla scoperta del mondo a Milano con lo sguardo dei
cittadini migranti. Ritrovo in via Paolo Sarpi 1
A cura di ACRA-CCS e Mowgli
per iscrizioni letiziaroffia@acraccs.org
• Domenica 22 Febbraio h 15:00 – 19:00
▸ Una porzione di jiaozi in omaggio agli studenti che partecipano al
Capodanno Cinese. Voucher da ritirare all’Università.
A cura di Istituto Confucio Unicatt e Associna
▸ Comunità di Sant’Egidio h 12:00 – 14:00: rinfresco e consegna diplomi
CELI Scuola di Lingua e Cultura Italiana
Si ringrazia per le foto degli eventi Beatrice Sancassani Fotografa.
La partecipazione agli eventi è gratuita.
per informazioni:

https://www.facebook.com/shoulashou

www.diamocilamano.it
Con il patrocinio di
Comune di Milano
Consolato Generale della Repubblica Popolare di Cina in Milano

diamocilamano-shoulashou

 

 

 

Capodanno cinese in Paolo Sarpi inizia nella scuola elementare

L’anno della Capra inizia domani. E per la prima volta in cento anni la festa del Capodanno irrompe in una scuola, coinvolge mille bambini italiani e cinesi in uno spettacolo mai visto.

Cronaca di un’integrazione che inizia anche da qui, “dalla condivisione culturale”, come spiega una delle mamme organizzatrici, Giovanna Castellina, del gruppo di genitori Gpp che include le primarie Giusti e Palermo e la media Panzini (sul totale, 20% di studenti sono cinesi) e lavora con l’associazione shoulashou -diamocilamano.

Ore 10.30 in punto, gli alunni convergono in cortile per la sorpresa di cui non sanno nulla. Non se l’aspettano e le bocche sono tutte aperte quando arrivano idue enormi Leoni colorati che prendono a danzare. Rullo dei tamburi e musica, poi è la volta delle maestre che declamano in due lingue, cinese e italiano, la solenne leggenda di Guo Nian (“cambio d’anno”). Un pauroso animale dormiente si risvegliava una volta ogni 365 giorni, affamato d bimbi e di uomini, e fu sconfitto da un’anziana e da un essere celeste travestito da mendicante.

“Lo sapevate, bambini ?” – “Nooooo!”, rispondono tutti in coro.

Niente paura dei Leoni? “E’ stato uno spettacolo gioioso e il bis è stato richiesto a gran voce. Anche il tris”, esulta la mamma Nicoletta Ferro, che per otto anni ha vissuto in Cina e nel quartiere si fa portavoce dell’urgenza di un’integrazione sempre maggiore, anche a partire dalla scuola.

Due maestre hanno imparato il cinese, per accogliere i 30 piccoli che ogni anno arrivano nelle loro classi senza saper parlare una parola: “Uno dei progetti della Gpp è istituire dei corsi di lingua a doppio binario, per bambini: di primo italiano per chi approda a Milano e non sa come fare amicizia in classe, e di primo cinese per i piccoli del quartiere che vorrebbero avvicinare i nuovi compagni”, immagina la Castellina. “Organizzeremo anche incontri per adulti, il primo sarà sulla storia della comunità cinese in Paolo Sarpi”, aggiunge Cristina Carpinelli. E Michele Frova, quarto dei genitori pasionari, guardando il cortile che pian piano si svuota, promette:

 

“L’anno prossimo lo spettacolo sarà con un Dragone gigante”.

di Elisabetta Andreis ( giornalista di citta’ nuova da cui abbiamo copiato l’ articolo)

Chi siamo – Who’s who

REBECCA BROLLO. Membro del comitato di redazione del sito CinaMilano.

Rebecca Brollo si e’ laureata in Urbanistica presso il Politecnico di Milano e la Tongji University di Sahnghai. Dopo aver trascorso 9 mesi sotto shock nella popolosa metropoli cinese, e’ rientrata in patria sentendo da subito nostalgia per il “paese  di mezzo” e si e’ data da fare per confondersi al meglio tra gli abitanti dagli occhi a mandorla della Chinatown meneghina. Da settembre del 2014 aiuta i bimbi cinesi a svolgere i compiti, studia cinese (Level 0), accompagna le persone alla scoperta di Paolo Sarpi e si e’ buttata in diverse collaborazioni di lavoro per aumentare le collaborazioni e gli scambi tra Italia e Cina.

Ha scovato CinaMilano durante le infinite ricerche sulla zona Sarpi. Collaborare per CinaMilano significa per lei poter mettere le COSE IN CHIARO ovvero condividere le sue scoperte/esperienze con qualcuno.

Il suo nome cinese e’ Luo Mei 罗美.