Best: Incontro con lo scrittore Alec Ash: un breve resoconto

IMG_1641Venerdì pomeriggio 2 febbraio, il giovane scrittore inglese Alec Ash, che vive e lavora a Pechino dal 2008, ha presentato in un’aula dell’Istituto Confucio dell’Università Cattolica , il suo libro: “Lanterne in volo”,  che offre uno spaccato sulla generazione dei millenials nella Cina di oggi. Mi ha colpito molto la semplicità con cui è riuscito a trasmettere ad un pubblico eterogeneo che lo ascoltava attento, una realtà così complessa e sfaccettata, quale il mondo dei giovani cinesi, che dalle province più disparate della Cina si sono recati
nella capitale alla ricerca di una  identità individuale che li liberi dalla pressione delle
aspettative famigliari e di  una identità “patriottica” che li liberi dalla etichetta stereotipata  di giovani oppressi dal sistema, applicata loro dai coetanei d’Occidente. Alec Ash li ha seguiti per otto anni raccogliendo con empatia e capacità d’ascolto, i loro sfoghi, sogni e desideri per raccontarceli.
Alla fine il pubblico, me compresa, incuriosito e sollecitato dalla battuta finale dell’autore che all’ultima domanda postagli  ha replicato con
humor britannico ” buy the book” è uscito soddisfatto e contento con una copia autografata!
Monica Ferrari

Torna il Festival dell’Oriente con interessanti novità

dong-fei-2.jpg.size-custom-crop.1086x0-FILEminimizer-500x333Si tiene a Fiera Milano City a partire da oggi 2 febbraio e fino a domenica 4 febbraio il Festival dell’Oriente edizione 2018. Anche quest’anno saranno tanti gli appuntamenti per immergersi nella cultura orientale, dalla gastronomia agli spettacoli tradizionali, passando per conferenze, seminari, danze, yoga e medicina tradizionale. Non mancheranno come di consueto gli appuntamenti dedicati alla Cina, con qualche novità in più:

Canto tradizionale cinese: la maestra Lin si esibirà nei brani più popolari della tradizionale musicale del canto.

Danze tradizionali cinesi: il gruppo internazionale di artisti China Pearl si esibirà nelle danze tradizionali cinesi, guidato dalla coreografa e danzatrice Fenfen, molto conosciuta anche in Cina come attrice televisiva.

Arte musicale cinese: gli strumenti tradizionali cinesi saranno protagonisti dei concerti tradizionali. Tra questi si potrà ascoltare l’Erhu, il violino cinese, il Guzheng, uno strumento a corde suonato in orizzontale o il classico Gong.

Street Food: oltre ai ristoranti già presenti nelle edizioni scorse(per la Cina ricordiamo il ristorante “A tutto vapore”), da quest’anno saranno presenti furgoncini e chioschi dove assaggiare piatti tradizionali rivisitati in chiave street food.

Oltre alle novità dedicate alla Cina, ci saranno tantissime altre novità per avvicinarsi alle tradizioni orientali, tra cui la pittura giapponese Suiboku-ga, l’arte del contorsionismo mongolo, un villaggio giapponese completamente riprodotto sia negli spazi interni sia negli spazi esterni, la riproduzione di un tempio buddista dello Sri Lanka, alcune danze tradizionali mongole e tanti altri eventi da non perdere!

Ingresso: 12 euro

Per saperne di più: http://festivaldelloriente.org/

Alessia, 莎娅丽

Domani Venerdì 2 Febbraio: Alec Ash presenta il libro Lanterne in Volo presso l’Istituto Confucio dell’Università Cattolica

9781447237983wish lanterns_7Venerdì 2 Febbraio l’Istituto Confucio dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano ospiterà l’autore britannico Alec Ash. Il giovane scrittore sarà a Milano per la seconda tappa italiana del tour di presentazione del suo ultimo libro Lanterne in Volo; Ash racconterà e discuterà della propria opera con Elisa Giunipero, direttrice dell’Istituto Confucio dell’Università Cattolica.

Lanterne in Volo ha come trama la storia di sei giovani ragazzi cinesi nati tra il 1985 e il 1990, ovvero in un periodo di cambiamento che ha inevitabilmente influenzato le esistenze degli stessi. Se è vero che la Cina ha visto negli ultimi decenni cambiamenti sociali, politici ed economici a una velocità senza precedenti, il racconto diretto della realtà vissuta da ragazzi che hanno affrontato queste evoluzioni in prima persona può indubbiamente fornire molti spunti di riflessione interessanti, ancor più se raccolti con grande curiosità e determinazione da un ragazzo loro coetaneo nato dall’altro lato del mondo.

Locandina ufficiale dell’evento: http://www.istitutoconfucio.unimi.it/wp-content/uploads/2018/01/Locandina_Ash_Cattolica-Leggera.jpg

  • 02/02/2018 – 18:00
  • Istituto Confucio dell’Università Cattolica del Sacro Cuore – Via Carducci 28/30
  • Ingresso libero

 

Jacopo Iannelli

Best of China. Ristorante Ramen a mano, via Lomazzo

Ieri siamo stati a pranzo nel ristorante RAMEN a Mano aperto da qualche mese a Milano in zona Paolo Sarpi .

Va detto che la zuppa di spaghetti con il manzo è uno dei miei piatti preferiti e che quindi sono particolarmente felice che abbiano aperto un ristorante del genre a Milano.

Come piatto principale in questo ristorante vengono serviti il LANZHOU LAMIAN:

grande ciotole di spaghetti in brodo con fette di manzo, salsa piccante , cipollotto e coriandolo fresco. Potete anche scegliere di non mettere il coriandolo che per alcuni italiani ha un sapore strano e in qualche modo fastidioso. Io personalmente all’inizio lo odiavo, ora lo amo molto. E’ questione di abitudine, e soprattutto è importante non aspettarsi un sapore di prezzemolo a cui questa erbetta assomiglia. La mente a volte gioca brutti scherzi anche alle percezioni dei sapori:  si indispettisce!

Conosco il proprietario, mi fido ciecamente di lui, delle materie prime scelte, del tipo di preparazioni. E infatti il gusto e’ ottimo, il brodo saporito e leggero, gli antipasti croccanti veramente come in Cina. Consiglio gli anacardi con le alghe e i cetrioli in salsa piccante. I prezzi sono assolutamente giusti e l’ ambiente è luminoso con grandi vetrine sulla strada.  Bravi e benvenuti a arricchire il panorama dei ristoranti cinesi a Milano.

IMG_1497IMG_1501IMG_1498

Ramen a mano 

Indirizzo: Via Paolo Lomazzo, 20, 20154 Milano MI , tel 02 3653 6559