RESTAURANTS La ravioleria di Paolo Sarpi

Cari lettori non possiamo esimerci dal commentare questo bel botteghino di ravioli e piadine cinesi TAKE AWAY .

e’ nel cuore della via Paolo Sarpi , al numero 27 . Si ordinano da portare via dei ravioli già cotti o da cuocere . carne ottima delle cascine biodinamiche Orsine . e Farne bio .

Io personalmente amo i ravioli meno carnosi e piu’ odorosi ( come tutti i piatti poveri anche in Cina i ravioli hanno molte erette , cipollotti , cavoli che sono ingredienti piu’ poveri ma molto saporiti ) . In ogni caso 10 e lode per l’ attività . E come sempre anche per il bel mix Italia – Cina . Cina Milano ! ( angelica )

 

Dear all , I suggest this delicious take away shop. It provides you with JIAO ZI to take away . You can have it cooked or raw to be cooked at your place . There is delicious bio ingredients . You will love it ! 

Via Paolo Sarpi 27 

cucina-La-Ravioleria

photo1jpg

ravioli

EVENT Jonathan Woetzel sfata 5 miti della “ineluttabile” regressione cinese.

Sono stata a vedere questa conferenza , dove la relazione del “Guru del giorno ” era tutta incentrata su sviluppo economico e urbano , legati insieme in un ascendente processo virtuoso e senza ombre .
Un po’ troppo ottimista .
Dove mette il nostro Guru  i problemi enormi legati alla bolla speculativa dell’ edilizia in Cina? all’ abbandono delle campagne ? ai problemi sociali creati da un divario sempre maggiore tra costi e stipendi ? al traffico insostenibile ?
Dove lo mette il problema delle enclaves di stranieri per nulla integrati ? il problema della reale difficoltà della comunità internazionale di essere accettati ( impossibile accedere alle scuole pubbliche per i figli , impossibile avere un visto superiore ai 30 giorni per chi fa consulenze tra Cina ed Europa ) .
Molti sono i  problemi che la Cina deve affrontare e sicuramente uno di questi e’ legato all’ urbanizzazione in un paese enorme e che invecchia presto . e dove le città crescono a un ritmo vertiginoso.  Le megalopoli non per forza sono un sistema virtuoso . Arrivano a un punto di collasso . E in Cina lo fanno molto velocemente .  ( Angelica )

Lo sviluppo a 2 cifre per la ‪#‎Cina‬ è un ricordo, anche il gigante economico sta rallentando È al collasso? Jonathan Woetzel sfata 5 miti della “ineluttabile” regressione cinese. Ci confronteremo con lui il 15 giugno per ‪#‎futureways‬ a BASE Milano

Martedì 28 giugno ore 21,00 “I wish I knew” di Jia Zhangke

Voci da Shanghai – Proiezione del film “I wish I knew” del regista cinese Jia Zhangke

Martedì 28 giugno (ore 21,00), nell’ambito della mostra “Dialogo di civiltà lungo la via della Seta – Italiani a Shanghai 1608-2010” , proiezione del film documentario “I wish I knew” di Jia Zhangke, produttore e regista cinese più volte premiato ai Festival di Venezia e di Cannes. Nel documentario il regista tratteggia un ritratto di Shanghai, attraverso i racconti di chi ha vissuto i cambiamenti della città sulla propria pelle: diciotto persone, per lo più artisti, attori e gente di spettacolo, ripercorrono con la memoria i mutamenti infiniti di questa città che è diventata una megalopoli e che è sempre più al centro del mondo. La proiezione sarà introdotta da Armando Fumagalli, professore ordinario di teoria dei linguaggi e direttore del Master in scrittura e produzione per la fiction e il cinema (Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano) che presenterà il percorso narrativo del regista cinese orientato a dar voce ai molteplici volti che caratterizzano il suo Paese. Presso la Biblioteca Pietro Cadioli di Sesto San Giovanni (via Dante,6), L’appuntamento rientra nella rassegna promossa dal Comune di Sesto San Giovanni “A qualcuno piace Sesto”. Ingresso libero.